Autolavaggio Self Service, vale la pena iniziare?

Quella dell’Autolavaggio Self Service è sicuramente una delle attività più gettonate degli ultimi anni da migliaia di italiani, che hanno deciso di abbandonare il lavoro da dipendenti per diventare imprenditori. Basta guardarsi velocemente attorno per constatare l’enorme quantità di impianti dedicati all’autolavaggio presenti anche in una piccola zona della città. Nonostante ciò sono ancora tanti i dubbi degli utenti che vorrebbero intraprendere questa strada, partendo dai costi fino ai fornitori dell’attrezzatura. Andiamo dunque a scoprire insieme tutto ciò che c’è da sapere sull’apertura di un Autolavaggio Self Service.

Attrezzatura e impianti da installare

La prima cosa di cui ci dovremo preoccupare per l’apertura dell’autolavaggio sono gli impianti e l’attrezzatura da installare all’interno dell’area. A seconda delle dimensioni dell’autolavaggio che vogliamo aprire, saranno sicuramente necessarie stazioni idriche per il collegamento alle pompe dell’acqua, stazioni per l’aspirazione, e prodotti dedicati alla pulizia. Fortunatamente non si tratta di un grande problema, grazie alla presenza di numerosi rivenditori del settore che saranno pronti a fornirci tutto ciò di cui abbiamo bisogno.

Una delle aziende rivenditrici più conosciute in questo settore è sicuramente www.davy.it , specializzata nella realizzazione di spazzole per autolavaggio. Acquistando tutto ciò che serve per l’impianto di autolavaggio presso questa azienda non sarà soltanto possibile andare incontro ad un ingente risparmio; contemporaneamente avremo la possibilità di dotare la nostra attività di attrezzatura di grande qualità, in grado di durare anni ed anni prima di dover essere sostituite. A seconda dei macchinari che abbiamo deciso di installare, l’autolavaggio self service potrà funzionare a gettoni, tramite una speciale carta clienti, o direttamente con l’inserimento di monete o banconote.

Fortunatamente non vi è una normativa legale che disciplina e indica quali prezzi applicare al proprio autolavaggio. Ciascun imprenditore può decidere in maniera completamente autonoma le proprie tariffe, tenendo ovviamente conto della concorrenza. Una volta acquistati gli impianti e le attrezzature necessarie, arriva il momento di informarsi sulle autorizzazioni da richiedere e sulla porzione di terreno da acquistare o prendere in affitto; vediamo subito come procedere!

Burocrazia e proprietà

Come vi abbiamo appena accennato, non basta provvedere all’acquisto delle attrezzature per aprire un autolavaggio self service, è bensì obbligatorio fare i conti con la burocrazia e i costi della proprietà da affittare. Partendo subito dalla burocrazia, per rendere l’autolavaggio a norma di legge sarà necessario aprire partita Iva, così da essere inquadrati come liberi professionisti che percepiscono compenso da un’attività propria.

Aprire la partita Iva è facilissimo al giorno d’oggi, sarà sufficiente recarsi presso la camera di commercio della propria città e compilare l’apposito modulo di richiesta. Per quanto riguarda invece la proprietà, il prezzo e le opportunità variano da regione a regione. Sarà necessario esplorare i siti di annunci appositi per trovare un’area da prendere in affitto, nella quale installare gli impianti dell’autolavaggio. Durante la scelta della proprietà è necessario assicurarsi che sia ben visibile dalla strada, possibilmente lontana da case abitate o altre attività commerciali. La maggior parte degli autolavaggi sono collocati nei pressi dei distributori di benzina. Una scelta molto saggia ed efficiente, tenendo in considerazione che il 65% degli automobilisti dopo aver fatto il pieno decide di dare anche una lucidata al proprio mezzo.

Giunti a questo punto sorge spontaneo chiedersi quanto arriverà a costare tutta la messa in proprio e l’apertura dell’attività. Si tratta di una domanda a cui è difficile rispondere in maniera precisa senza alcun margine d’errore, proprio per via delle differenze di prezzo da regione a regione. In media i costi totali arrivano fino a duecentomila euro. Senza dubbio una grande spesa, che però verrà recuperata nel corso di pochi anni con l’apertura dell’attività, che inizierà fin da subito il processo di ammortizzazione.

Autolavaggio Self Service, vale la pena iniziare?